Come sfruttare una pergola in inverno

Categoria: Info Pergole 

Consigli per sfruttare una pergola anche in inverno; con  pioggia, freddo, neve e vento.

Le pergole in inverno permettono di avere una copertura stabile e resistente alle intemperie, per vivere gli spazi esterni nel massimo comfort, anche con il freddo.  Una soluzione che si adatta a balconi, terrazze, giardini e spazi esterni commerciali come dehors.

I materiali sempre più resistenti e le nuove coperture in alluminio permettono di chiudere perfettamente la pergola rispetto all’ambiente esterno. Esistono diversi tipi di chiusure laterali per le pergole, che permettendo di chiudere l’ambiente riparandolo da vento e pioggia.

Pergola Bioclimatica: la copertura perfetta per l’inverno

Possiamo dire che le pergole bioclimatiche rappresentano l’evoluzione delle pergole tradizionali. Si tratta di strutture ecofriendly, in grado di ricreare un clima ideale all’interno dello spazio che proteggono sfruttando il sole, il vento e anche la pioggia.
Da fuori si presentano come pergole tradizionali; si differenziano per via della copertura in lamelle frangisole orientabili realizzate in alluminio resistente (a differenza dei tradizionali teli in PVC).

Per essere utilizzate in inverno è fondamentale avere la giusta copertura laterale che isola l’ambiente, realizzata con teli filtranti, pvc o vetrate scorrevoli.
Per l’inverno la scelta migliore risulta la copertur laterale con vetrate scorrevoli. Infatti oltre a proteggere l’ambiente da vento e pioggia offrono anche un buon isolamento dal freddo e sono più stabili (ideale nel caso di vento forte).

copertura laterale pergola addossata

Oltre a rappresentare una scelta ecologica al 100%, le pergole bioclimatiche sono una scelta di arredamento molto usato sia nelle abitazioni sia nelle strutture ricettive, poiché regalano un aspetto moderno agli ambienti esterni, che così, potranno essere sfruttati 365 giorni l’anno.

bar con copertura pergola frangisole

Le lamelle orientabili rappresentano una copertura intelligente dal momento che la loro posizione si può regolare in base alla luce del sole determinando così l’illuminazione – totale o parziale – dell’ambiente. Esistono pergole bioclimatiche di vari tipi, differenziate in base a struttura e copertura:

  • Pergole bioclimatiche addossate,  ovvero con copertura appoggiata su una parete: questo tipo di pergola bioclimatica è perfetta per terrazzi e balconi, è versatile e sfruttabile anche in spazi ristretti. La sua struttura si trasforma in un vero e proprio prolungamento dell’edificio creando così un ambiente della casa o dell’attività commerciale, totalmente nuovo, da vivere in ogni stagione dell’anno.
  • Pergole bioclimatiche autoportanti, dotate di quattro pilastri senza supporto esterno e collocabili in ogni spazio, creano un ambiente staccato dall’edificio principale. Perfetta per il giardino o il bordo piscina, questa pergola dona all’ambiente un design elegante ma senza dimenticare la funzionalità; viene spesso sfruttata dai ristoranti o i locali che desiderano creare nuove sale negli spazi esterni o dehors per accogliere un maggior numero di clienti. Aggiungendo delle coperture laterali, questo tipo di pergola permette di usufruire degli spazi aperti anche nei mesi più rigidi.
  • Pergole bioclimatiche motorizzate, le più diffuse e comode perché la copertura si può regolare tramite un radiocomando collegato al motore. In questo modo la copertura si gestisce a seconda delle esigenze: le lamelle, infatti, possono restare aperte per accogliere la luce solare, o chiudersi completamente in caso di pioggia per evitare che l’acqua penetri all’interno. Il loro funzionamento è sicuro ed efficiente, sono termicamente protette così da evitare guasti, surriscaldamenti o corto circuiti.
  • Pergole bioclimatiche con lamelle impacchettabili, un sistema che permette di regolare la copertura di volta in volta; le lamelle frangisole infatti, oltre che orientabili sono anche retrattili, permettono cioè di spostare la copertura fino a lasciare lo spazio superiore completamente aperto.

Se avete intenzione di potenziare il vostro spazio esterno con una pergola bioclimatica, sappiate che godono della detrazione fiscale del 110% di Ecobonus, poiché considerate una valida soluzione di schermatura solare. Inoltre, non necessitano di permessi edilizi perché rientrano tra le opere di edilizia libera.

Potrebbe interessarti anche:

Pergole e distanza dai confini: cosa dice la normativa

Pergole addossate e autoportanti: caratteristiche e quali scegliere

Pergola a sbalzo: caratteristiche e funzionalità