Pergola e Tettoia: le differenze e la normativa

Categoria: Blog 

Pergole e tettoie sono strutture edilizie molto diffuse per coprire degli spazi che si trovano all’aperto, ma ci sono delle differenze che regolano in maniera particolare la possibilità di costruire una tettoia o una pergola. Molte persone cercano la possibilità di sfruttare uno spazio aperto e renderlo più accogliente grazie a strutture come pergole e tettoie. La scelta tra queste due strutture verrà quindi fatta in base alle esigenze particolari e all’uso che si vuole fare di questo spazio.

È molto importante conoscere le differenze tra pergole e tettoie in quanto le due strutture sono regolate dalla legge in maniera diversa. Infatti, per la costruzione di una tettoia occorrono permessi edilizi particolari che non servono nel caso in cui si voglia installare una pergola o una pergotenda.
Nella differenza tra queste due strutture si trova quindi il rischio o meno di incorrere in abusi edilizi a causa della mancanza dei giusti permessi.

Caratteristiche della pergola

La pergola, come anche la pergotenda,  è una struttura edilizia utilizzata per coprire e creare ombra e protezione negli spazi aperti come giardini o terrazzi. La struttura può essere sia autoportante che addossata alla parete esterna di un edificio. Le principali caratteristiche che definiscono una pergola come tale sono la leggerezza e la modalità di installazione, che non deve apportare modifiche permanenti o difficilmente reversibili nello spazio in cui viene posata. Anche la copertura superiore della pergola si caratterizza per la possibilità di essere rimossa in maniera facile.

La possibilità di essere rimossa con facilità, sia nella struttura che nella copertura superiore, è la caratteristica fondamentale che contraddistingue una pergola. Per installare una pergola non servono particolari permessi edilizi, sempre che la struttura rispetti i criteri qui riportati.

Le caratteristiche principali che deve avere una pergola sono:

  • leggerezza della struttura;
  • intervento di installazione non invasivo;
  • copertura removibile facilmente.

Caratteristiche della tettoia

Una tettoia è una struttura addossata a un edificio o autoportante che crea una superficie abitabile attraverso una copertura stabile, che può fungere da riparo verso le intemperie. Le caratteristiche principali che definiscono una tettoia sono la sua struttura e le modalità di costruzione. Infatti la struttura di una tettoia deve avere una stabilità e un peso in grado di sostenere una copertura che non è facilmente rimovibile, ma fissata in maniera permanente alla struttura.
La tettoia è una struttura stabile, per cui anche l’installazione e la costruzione richiederanno un intervento più invasivo e difficilmente reversibile con pochi e semplici interventi. La stabilità della struttura e la difficoltà con cui questa si possa rimuovere caratterizzano una tettoia in quanto tale. Per la costruzione di una tettoia occorre ottenere un permesso edilizio dal comune di appartenenza.

Le caratteristiche principali di una tettoia sono:

  • struttura stabile e permanente;
  • intervento di costruzione invasivo;
  • coperturanon removibile facilmente.

Differenze tra pergola e tettoia secondo la legge

Con la riforma per l’edilizia libera del 2019 viene effettuata una riclassificazione di molti interventi di edilizia che da ora non sono soggetti all’ottenimento di permessi da parte del comune. Tra questi interventi liberi da permessi rientrano le pergole e le pergotende, mentre le tettoie restano vincolate all’approvazione del permesso edilizio.

La principale differenza che definisce se una costruzione sia una pergola o una tettoia è la stabilità della costruzione. Se la struttura è composta in materiali pesanti, se la sua installazione richiede un serio intervento murario e la copertura superiore è difficilmente rimovibile si tratta di una tettoia, e la sua costruzione richiede un permesso edilizio.
Nel caso in cui la struttura sia leggera, in materiali come acciaio o legno, l’installazione non richieda interventi murari che stravolgano lo spazio in cui si posa e la copertura superiore sia facilmente rimovibile si tratta di una pergola, e non vi è la necessità di permessi edilizi particolari per la sua costruzione.

Cosa dice lo Stato

Questa differenza è stata ribadita dal Consiglio di Stato, che afferma riguardo alla pergola che “tale opera si caratterizza come manufatto avente natura ornamentale, realizzato in struttura leggera di legno o altro materiale di minimo peso, facilmente amovibile in quanto privo di fondamenta, che funge da sostegno per piante rampicanti, attraverso le quali realizzare riparo e/o ombreggiatura di superfici di modeste dimensioni.” (Cons. Stato Sez. 4, n. 5409 del 29 settembre 2011. Conf. Consiglio di Stato, Sez. 6, n. 2134 del 27 aprile 2015. V. anche Cons. di Stato, Sez. 6, n. 306 del 25 gennaio 2017).

Riguardo alla tettoia il Consiglio di Stato ne definisce le caratteristiche come struttura realizzata con pilastri di maggiori dimensioni rispetto a una pergola e installata in maniera stabile, dando una solidità in grado di rendere la sua presenza prolungata nel tempo. Per questo motivo la costruzione di una tettoia è soggetta a una valutazione e all’ottenimento di un permesso edilizio al quale non è sottoposta l’installazione di una pergola o di una pergotenda.

Potrebbe interessarti anche:

Serra bioclimatica: cosa dice la normativa?

Permessi per l’installazione di vetrate da esterno